admin/ Maggio 17, 2019/ Uncategorized/ 0 comments

Sintesi del programma programma amministrativo di Francesca Garibaldi sindaco – Cambia con Ne, in uscita sulla stampa [premere sul titolo per aprire l’articolo]: 

IL NOSTRO OBIETTIVO È QUELLO DI PERSEGUIRE L’INTERESSE GENERALE, PROMUOVENDO LA PARTECIPAZIONE DI TUTTA LA POPOLAZIONE ALLE SCELTE AMMINISTRATIVE, RISVEGLIANDO LA PASSIONE PER IL TERRITORIO DELLA VAL GRAVEGLIA, ATTRAVERSO LA CONDIVISIONE DIRETTA E LA DISPONIBILITÀ DELLE INFORMAZIONI, ANCHE MEDIANTE IL SITO INTERNET COMUNALE.

 

  • Andrà posta attenzione ai servizi per tutte le famiglie, anche con bambini piccoli (asilo nido, doposcuola); ai giovani, che devono trovare risposte ai loro bisogni (andrà individuata una sede di aggregazione accessibile); agli anziani che, nelle frazioni più dislocate, necessitano di supporti effettivi (trasporti, consegna medicinali, spesa e assistenza domiciliare). Importante la collaborazione con il volontariato, che deve sentirsi indipendente e trovare spazi operativi.
  • In sede di progettazione esecutiva saranno ascoltate le esigenze didattiche, per gli ambienti innovativi della nuova Scuola, da sostenere perché i ragazzi conoscano il territorio e vi restino. La palestra comunale, in attesa di essere adeguata, potrà diventare accessibile anche per chi ha difficoltà di deambulazione.
  • Lo sviluppo di attività agricole, artigianali e commerciali, oggi in fase critica, deve essere agevolato, in modo che le aziende siano incentivate alla qualità, continuando o aprendo nuove attività. L’Amministrazione si farà carico di coordinare la ricerca di ogni possibile contributo pubblico, salvaguardando e valorizzando le tipicità agro-alimentari, mineralogiche e di cultura locale. L’agricoltura può inserirsi in circuiti remunerativi: presidi DOP e DOC (olio evo, cipolla rossa di Zerli, mela Carla, vitigni per Vini Locali Naturali, senza additivi), “prodotti di nicchia a km zero”, “a basso impatto ambientale”, ecc.). Il mercatino agricolo va rafforzato con iniziative complementari: creazione di un Museo Contadino, trasformazione dei prodotti e diffusione elettronica. Le nuove aziende economiche e commerciali sarebbero agevolate dalla detassazione per un biennio, riducendo anche le tasse di immobili regolarmente usati per l’economia e l’attività turistica: l’aumento della raccolta differenziata può far diminuire le tariffe per tutti, il miglioramento del servizio ingombranti influisce sull’accoglienza ambientale.
  • Cultura, Turismo e Sport completano il quadro unitario per lo sviluppo economico, sociale e demografico del nostro Comune. Realizzare un efficace marketing del territorio può intercettare la domanda del turismo enogastronomico. L’apertura di Musei, compreso quello mineralogico di Reppia, potrà essere agevolata anche con l’aiuto di associazioni e operatori locali. Occorre lavorare per una gestione della Miniera di Gambatesa con maggiori ricadute economiche sulla Vallata.
  • Mantenere infrastrutture e impianti sportivi efficienti, recuperare un’adeguata Rete Sentieristica, significa poter accedere a finanziamenti che premiano le strutture vicine. Da incentivare le aree di campeggio gestite da privati e la creazione di una zona attrezzata per la sosta di camper. Il Parco Pertini necessita di una maggiore ombreggiatura d’estate e una struttura mobile di copertura potrà completare l’anfiteatro, perché sia utilizzabile tutto l’anno.
  • Il Piano di Protezione Civile va rivisitato; monitoraggio e manutenzione delle vie di comunicazione, di ponti e passerelle, devono diventare ordinari. A Conscenti, fra le Scuole e il Parco Pertini, così come lungo gran parte della strada provinciale, il passaggio pedonale necessita di essere messo in sicurezza. L’area “discarica” della ex Provincia all’entrata del nostro Comune, va spostata, per migliorare la “presentazione” a inizio della Valle. L’edilizia deve privilegiare forme, colori e materiali tipici, per conservare e tramandare il nostro paesaggio tradizionale. Occorrono interventi in diverse frazioni, ancora sprovviste di acquedotto.
  • Il collegamento internet va potenziato in Vallata, dove vi sono zone in cui non si ricevono i principali canali televisivi e il segnale per i telefoni cellulari è problematico. Bisogna facilitare la permanenza e il ritorno abitativo in questa zona identitaria, rendendola funzionale e con finestre digitali aperte sul mondo.

Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*